Il 70% dei bambini di quando ero bambino io si chiamava Luca. L’altro 30% si chiamava Gianluca.
La mia sensazione era che chiamarmi Luca fosse come l’aria, incolore e insapore, perché non mi dava il rilievo che avrei desiderato. Era una ics, un orpello anagrafico privo di fascino, un’occasione persa. Mi sarebbe piaciuto avere un nome da strafico, tipo Diego o Giandiego o Diegomaria, uno di quei nomi che non serve far seguire dal cognome per far capire chi tu sia (Ciao, sono Diegomaria – Sbam!). Ma alla fine meglio così, mi sentivo già abbastanza alieno per conto mio.

Adesso sono convintamente Luca. E va bene così.

La musica è orologio che si ferma, sospensione dell’attesa, tregua.
La musica è sensi (tutti assieme!), come il sesso.
La musica è miniera, più si scava più le pietre sono pure (attenzione a non confondersi col carbone).
Senza musica sarei ingolfato dalla razionalità e corroso da ansie da produttività .
Senza musica sarei un altro. Magari mi chiamerei Diegomaria.

berlin3

One thought on “Luca chi?

  1. Ciao Luca ,volevo semplicemente farti i complimenti per il lavoro che hai fatto a Renato bravo !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website